Guerre di religione: generano personaggi come Anders Behring Breivik

Anders Behring Breivik (pronuncia norvegese [ˈandəʂ ˈbeːriŋ ˈbræɪviːk]Oslo13 febbraio 1979) è un terrorista norvegese, conosciuto in quanto autore degli attentati del 22 luglio 2011 in Norvegia,[1] che hanno provocato la morte di 77 persone.

Dichiaratosi un anti-multiculturalista, anti-marxistaantiislamista,[2], è autore del memoriale 2083 – Una dichiarazione europea d’indipendenza.[3] In questo scritto di 1518 pagine Breivik si definisce “salvatore del Cristianesimo” e “il più grande difensore della cultura conservatrice in Europa dal 1950[4]. Dichiaratosi Cristiano protestante, nello stesso memoriale si definisce antipapista, prendendo forti posizioni contro Benedetto XVI.[5] Membro della Massoneria norvegese, la sua loggia ha affermato di aver avuto solo contatti minimi con lui e il Gran Maestro l’ha immediatamente espulso dall’ordine dopo il suo arresto[6]. Inizialmente ritenuto essere affetto da schizofrenia paranoide[7], è stato dichiarato “sano di mente e quindi penalmente responsabile” da una controperizia[8], venendogli riconosciuto solo un elevato disturbo narcisistico della personalità.[9] Il 24 agosto 2012 viene condannato a 21 anni di carcere, pena massima prevista dalla legge norvegese.[10]


Anders Behring Breivik spent a year playing World of Warcraft role-playing game online

Dobbiamo ricordare che siamo Libri di Sangue

Libri Di Sangue

C’e’ chi la chiama intolleranza quest’ombra che avanza,

che incalza,

che aumenta di potenza:

figlia di arroganza e di ignoranza,

ragione di vita di chi ha perso la coscienza e crede ciecamente nella supremazia di una razza sulle altre:

no, non è la mia questa visione della vita,

e la partita non e’ vinta finche’ non e’ finita ed io l’ho appena cominciata.

Una manciata di dadi e’ stata tirata e la valanga di facce numerate non si e’ ancora fermata, non si ha il risultato:

ci han provato ha stabilirlo a priori chi e’ dentro e chi e’ fuori, chi è uno e chi è zero, chi è bianco e chi è nero.

Ma questa e’ l’opinione di una parte, non e’ la piu’ importante, è solo quella del piu’ forte e non abbiamo scampo di fronte alla morte.

Far come il gatto e il topo non è lo scopo di questo gioco di ruolo guidato da un master senza scrupoli, l’odio fra i popoli, i forti sui deboli;

che sono abili a crearsi alibi indimostrabili, che accampano ragioni futili ma incontestabili,

che negano tutti i diritti ai propri simili in nome di una giustizia propria degli uomini soltanto nella forma, non negli intenti:

sei grosso? Ti rispetto se no calci sui denti.

Diversi nell’aspetto siamo scritti in mille lingue… ma siam libri di sangue… tutti libri di sangue…


Siamo libri di sangue, volumi di storia futura, diversa cultura ma identica natura: e’ inutile negarlo, questi sono i fatti, il prologo e l’epilogo uguali per tutti:

farabutti, politici corrotti, uomini dotti, mafiosi, poliziotti;

non c’e’ spazio per nessuna distinzione, siam tutti membri di una stessa nazione ZULU.

E quando un uomo è nudo è nudo e nessuno puo’ dire se quest’uomo sia buono o cattivo, figurati se importa poi come si vesta:

una bestia in divisa resta una bestia, chiamata a tutelare i diritti di chi?

E’ successo a brother Rodney King, colpevole del crimine di esser nato nero nella buia capitale dell’impero del denaro.

Colpo su colpo, battuto come un polpo, legato, incaprettato e trascinato per lo scalpo documentato, l’hanno filmato, pagine d’odio scritte sul selciato, vergate col sangue di un uomo innocente, impotente, che con quei bastardi no c’entrava niente,

ma cara gente quotidianamente, succede anche in italia, ma non si sente.

Lentamente, inesorabilmente la sabbia del tempo ricopre la mente.

Ogni giorno d’ogni mese d’ogni anno in tutto il mondo la violenza comanda le azioni di uomini e nazioni: sesso, razza, religioni, non mancano occasioni per odiare, ma dobbiamo ricordare che siamo libri di sangue.. tutti libri di sangue…

Pagine e pagine e pagine di sentimenti, emozioni, decisioni, ripensamenti: fitte pagine scritte, anime trafitte dal dolore divedersi diversi, costretti a inscenare una farsa perversa in questo universo di sole comparse percorso dall’odio

o fingi o sei perso! No, mi rifiuto di accettare questa logica contorta di chi non vuole amare ma vuole giudicare dalla copertina una persona:

seduti in poltrona individui come questi governano il mondo e lo sfondo si riempie di morte e sconforto, il rapporto s’incrina:

inevitabilmente discendiamola china.

Gia’ lunga e’ la lista di ottusi soprusi ma piu’ passa iltempo piu’ crescon gli abusi su donne umiliate dai capi d’azienda sei “brava” c’hai il posto, se no alzi le tende!

Su uomini nati lontano, troppo a sud per tendergli la mano:

carcasse fumanti sui campi di sole, migliaia di gole gonfie di parole di dolore, spine nel cuore di quelli che vedon marcire i propri fratelli, popoli usati come merce di scambio:

mi oppongo.

A patti non scendo con questa realtà e non mi va… e non mi va… e non mi va che “patibolo” sia il titolo del nuovo capitolo che stiamo per scrivere:

forza, capitelo! Usiamo piu’ il cuore e un po’ meno le spranghe, perche’ siam libri di sangue…

Verba Manent (1992)

Frankie Hi-NRG MC

 

Ricolmi di gioia e afflitti da varie prove…

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Sia benedetto Dio e Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha rigenerati, mediante la risurrezione di Gesù Cristo dai morti, per una speranza viva, per un’eredità che non si corrompe, non si macchia e non marcisce. Essa è conservata nei cieli per voi, che dalla potenza di Dio siete custoditi mediante la fede, in vista della salvezza che sta per essere rivelata nell’ultimo tempo.
Perciò siete ricolmi di gioia, anche se ora dovete essere, per un po’ di tempo, afflitti da varie prove, affinché la vostra fede, messa alla prova, molto più preziosa dell’oro – destinato a perire e tuttavia purificato con fuoco – torni a vostra lode, gloria e onore quando Gesù Cristo si manifesterà. Voi lo amate, pur senza averlo visto e ora, senza vederlo, credete in lui. Perciò esultate di gioia indicibile e gloriosa, mentre raggiungete la mèta della vostra fede: la salvezza delle anime.

Français : Eglise du Preziosissimo Sangue di N...

Français : Eglise du Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo sur le Largo Pannonia à Rome dans le quartier de l’Appio Latino (Photo credit: Wikipedia)

Un miracolo attribuito alla madonna di Medjugorje

Suggestiva l’atmosfera sacra e, altrettanto suggestiva, la storia del piccolo Joshua protagonista di una prodigiosa guarigione da neuroblastoma dopo il viaggio a Medjugorje. Località della Bosnia ed Erzegovina oggi è meta di molti pellegrinaggi e momenti di preghiera alla Vergine Maria apparsa il 24 giugno 1981 a sei ragazzi che ogni mese trasferivano al popolo i messaggi che riferiva loro la Gospa (Regina della Pace) e che, ancora oggi diventati ormai adulti, sono i custodi delle apparizioni. Tante le testimonianze di conversione, guarigione fisica e soprattutto spirituale dovute alla madre di Dio e tra i miracolati questo splendido bimbo dagli occhi vispi e pieni di vita dal nome Joshua. La chemioterapia, le radioterapie in anestesia generale e un processo di autotrapianto sono ormai un ricordo del passato che hanno lasciato spazio a una grandissima voglia di vivere e la vita, ha aperto le sue braccia a questo piccolo figlio di Dio.

leggi il resto qui Il piccolo Joshua e la sua madonnina di Medjugorje.

Cristiani contro cristiani

Inganno del demonio quello che contrappone i fratelli…

Or voglio dire questo, che ciascuno di voi dice: Io sono di Paolo, io di Apollo, io di Cefa ed io di Cristo. Cristo è forse diviso? Paolo è stato forse crocifisso per voi? O siete voi stati battezzati nel nome di Paolo?” (I Corinzi 1:10-13).

http://www.betaniachiesaevangelica.it/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=509&catid=17:prediche&Itemid=62